News Recenti

3 Ottobre 2011

Feste d'Autunno a Vinci


20 Ottobre 2010

Empoli fa spazio ai giovani

Il percorso partecipativo che ha visto 138 giovani impegnati nell’Open Space Technology (OST) del 15 luglio 2010 è proseguito con due laboratori progettuali di approfondimento delle proposte emerse per la configurazione del futuro spazio giovani di Avane.
I laboratori progettuali si sono tenuti venerdì 15 ottobre 2010 dalle 17.00 alle 19.30 e sabato 16 ottobre 2010 dalle 10.00 alle 12.30 all’interno del teatro tenda sito a Avane nell’area dell’ex mercato ortofrutticolo.

A chi è interessato si consiglia la lettura dei documenti già presenti sul sito www.empolifaspazioaigiovani.it e di seguire l'aggiornamento nella nostra sezione.


Il progetto “un nuovo spazio Giovani per Empoli” è in parte finanziato dal sostegno regionale ai processi partecipativi (L.R. 69, 27/12/2007
– Decreto 88 Autorità regionale per la Partecipazione).


Scarica la sintesi dell'incontro del 16 settembre con il tavolo delle garanzie in formato pdf

Scarica l'istruttoria per i laboratori progettuali in formato pdf

Scarica l'analisi dei questionari dei partecipanti all'ost in formato pdf


5 Luglio 2010

L’Associazione Agrado riconosciuta Organizzazione di Invio per progetti di Servizio Volontario Europeo (SVE)!!!!

 

Esprimiamo la nostra gioia e la condividiamo con voi: da oggi in poi si apre una nuova opportunità internazionale per giovani dai 18 ai 30 anni del nostro Circondario: il SERVIZO VOLONTARIO EUROPEO (Programma Gioventù in Azione- Azione 2)

La possibilità di partire per un’esperienza dai 2 ai 12 mesi in progetti di volontariato all’estero.

L’Associazione Agrado ha ottenuto in data 22 giugno l’accreditamento, direttamente dall’Agenzia Nazionale per i Giovani, come organizzazione di Invio.

L’associazione curerà la preparazione e seguirà i giovani volontari pronti a partire in tutte le fasi, curando anche i rapporti e creando il progetto con l’organizzazione europea di accoglienza e seguendo il volontario anche quando questi sarà all’estero

 

Lo SVE rappresenta uno strumento importante per un’esperienza costruttiva di sé, di scoperta delle proprie competenze e talenti, ma anche umana, linguistica e di relazione con gli altri e il mondo.

 

Chi, dai 18 ai 30 anni, quindi ha voglia di partire, sperimentarsi in un’altra realtà e riportare a casa i frutti e le competenze apprese, per reinvestirle qui, ….ci contatti il prima possibile, tenendo presente che sviluppare un progetto SVE ha tempi di circa 6 mesi,…quindi ragazzi sentiamoci il prima possibile, e sapendo che ci sono dei tempi da attendere (contatti con associazione di accoglienza, accettazione del progetto e finanziamento dell’attività, preparazione del volontario, ecc.)!!

 

Da oggi in poi l’Europa è più vicina……! ; )

Desideri avere più informazioni? Dai un'occhiata QUI

 


 

Progettazione Partecipata

La progettazione partecipata

Si tratta di attività svolte estemporaneamente durante l'anno  nelle quali, partendo da un gruppo informale di giovani, viene co-progettata la realizzazione di un prodotto finale; un'esperienza in cui i  soggetti partecipanti diventano attori direttamente coinvolti nel processo, secondo le loro disponibilità e attitudini in un contesto in cui l’apprendere cessa di essere didattica e diventa "imparare facendo".
Non si tratta di aderire ad un’iniziativa già avviata ma di collaborare alla creazione di un qualcosa dove siamo chiamati ad essere promotori  prima di essere utenti.
Spesso c'è soltanto una traccia argomentativa a fare da guida, in linea con le direttive regionali e con le buone pratiche provenienti dall’unione Europea, dopodiché il resto è lasciato ai diretti interessati: coloro che, frequentando le scuole superiori o altri corsi di formazione, cominciano a venire a contatto con il complesso mondo degli adulti; "mondo del lavoro", "sistema universitario", parole che fanno pensare a cose da sapere, a decisioni da prendere...
Noi pensiamo che chi è abituato prendere decisioni insieme ad altri, ad aver consapevolezza del proprio ruolo in un team di lavoro,  a saper come e cosa cercare ciò di cui ha bisogno, sia in grado di affrontare con più serenità le piccole sfide del quotidiano.

Tra le attività dell'Associazione Agrado che rientrano nella progettazione partecipata sono attualmente in svolgimento Video Workshop, Guerrilla Gardening e la partecipazione al processo di costituzione dello Spazio Giovani del Mercato Ortofrutticolo di Avane (Empoli).

A chi è rivolto:
Ragazzi dai 14 anni fino a 20 e oltre, che abitano a Vinci o nei comuni vicini.

Dove si svolgono i progetti:
Solitamente nei locali del Centro di Aggregazione.

Quando si svolge:
Durante il corso dell'anno scolastico. Per essere sempre informato vedi la voce news.

Progetti Video

Da più di due anni l’Associazione Agrado ha sviluppato competenze nella gestione di Video-Workshop finalizzati alla realizzazione di un prodotto finale (un cortometraggio, un videoclip…). Insieme ad un operatore il gruppo di giovani (15 - 22 anni) lavora su un tema sociale (cultura della differenza, stereotipi sociali, democrazia, ecc.) creando la sceneggiatura e i dialoghi impartendo i ruoli e creando trucco e costumi. In un secondo momento un operatore video curerà riprese e montaggio.

Solitamente il prodotto video finale ha anche lo scopo di essere impiegato in manifestazioni e concorsi a tema, occasioni utili per:
-stimolare interessi tramite una sana competitività
-reperire risorse necessarie da reinvestire  in nuove iniziative

Nella sezione video del sito puoi trovare l'archivio di tutti i video da noi prodotti.

Il Team:
In ogni momento saranno presenti 1 o 2 operatori del Centro con l’intento di accompagnare la formazione del team di lavoro attraverso metodologie di apprendimento non formale: si tratterà di entrare in contatto tra di noi, di sperimentare le proprie attitudini, di doversi confrontare sulle decisioni da prendere.

Staff Tecnico:
Durante la fase di realizzazione del prodotto (riprese, montaggio, editing) saranno presenti operatori  Extreme Video specializzati nel settore che aiuteranno partecipanti  all’interpretazione del ruolo, alla scelta delle locations etc..

Vuoi farne parte?
Contatta gli operatori del Centro! Trovi le informazioni necessarie nella pagina Team.

Fai Da Te

Il centro, come spazio in divenire, calderone di idee promotore della partecipazione, viene incontro all’estro e allo spirito d’iniziativa dei giovani del territorio.
Oltre alle attività proposte gli operatori del centro sostengono e supportano la realizzazione di micro-iniziative a budget zero, idee da tempo nel cassetto che per essere messe in atto hanno bisogno solo di un imput o magari solo di uno spazio.
Cerchi componenti per un gruppo musicale? Vorresti creare un laboratorio di giocoleria? Promuovere un torneo di biliardino?
Pensaci, contattaci e poi, insomma... Fai da te!

Quando  e come:
È possibile contattare gli operatori durante l’orario di apertura del Centro di Aggregazione (trovi le informazioni necessarie nella pagina Team), oppure vente direttamente a trovarci! Sarà possibile, eventualmente, utilizzare una parte dei locali del Centro, negli stessi orari.

Come già detto si tratta iniziative che non prevedono la richiesta di finanziamento per cui lo Staff del Centro non mette a disposizione soldi o materiale che non sia già presente.

Social Gardening

Guerrilla Gardening

Che cos’è

Il movimento nasce negli anni ‘70 negli Stati Uniti e prende il nome di “Guerrilla” , dal momento che le incursioni degli attivisti ( appunto i guerriglieri-giardinieri ) sono dei veri e propri attacchi che avvengono principalmente durante la notte in segreto per seminare o prendersi cura di un pezzo di terra abbandonato o pubblico.
Investe tutta la questione della cura del verde e dell’ambiente urbano in genere, per connetterla con successo alla partecipazione diretta dei cittadini, che così ritrovano anche occasioni informali e spontanee per rapporti sociali e di quartiere, occasioni altrimenti rarefatte o scomparse.

Il giardinaggio autogestito è diffuso da anni nei paesi del Nord Europa ed è praticato con successo anche in diverse regioni del nord Italia.
Il Social Gardening risulta essere un ottimo strumento per coinvolgere gli abitanti nella cura del proprio territorio: mentre la passività genera indifferenza, incuria e vandalismo, dalla partecipazione nascono attenzione, cura e responsabilizzazione.

Ma il guerrilla gardening/ Social gardening non è l’unico esempio di riappropriazione verde degli spazi cittadini.

Un altro caso sono gli orti cittadini.
In alcune città italiane esistono da decenni, gestiti prevalentemente da comitati di quartiere o cooperative di pensionati, ma stanno tornando di stringente attualità con la crisi in corso, sia economica che ambientale. La coltivazione di frutta e ortaggi in città permette di risparmiare sulla spesa, ma anche di produrre cibo a chilometri zero.

Social Gardening: il nostro progetto


I temi principali del progetto sono ambiente,  sviluppo sostenibile, cittadinanza attiva e promozione dell’attività volontaria dei giovani a favore della comunità.
Il progetto promuove un approccio innovativo di cura ambientale e del benessere della città e di partecipazione giovanile nella vita della comunità attraverso un approccio diretto e pratico, rivolto al fare e al coinvolgere altri cittadini nelle azioni. In questo progetto la cittadinanza attiva sarà veramente resa attiva e il lavoro volontario sarà la forma visibile e nobile di questa attivazione giovanile a favore dell’intera comunità.

Elemento innovativo sarà anche lo sviluppo di competenze di giardinaggio e agricole (creazione di una serra dove piantare le piante da trapiantare nelle aree prescelte) e questo sviluppo di abilità manuali/lavorative potrà costituire un primo passo verso una futura imprenditorialità in questo settore, e comunque sarà un proficuo periodo di “tirocinio” in cui sperimentare la fattibilità e il nostro interesse personale in questo campo.

La creatività sarà un punto di forza del progetto: oltre allo sviluppo delle conoscenze tecniche, ci sarà spazio per la progettazione delle aiuole, dei giardini, nella scelta delle piante migliori. Inoltre nel coinvolgimento di altri giovani saranno pensate tecniche e messaggi comunicativi molto creativi.
Partiamo da interessi reali in questo campo (ecologia, ambiente, giardinaggio, cittadinanza attiva) e il gruppo si è costituito sulla base dell’interesse e della passione in questo tipo di progetti, soprattutto in esperienze all’estero. Inoltre alcuni dei ragazzi sono studenti di Agraria e metteranno il suo “know-how” a disposizione del gruppo in varie fasi.

Il coinvolgimento del gruppo nasce anche dalla volontà di creare qualcosa insieme per la comunità, che promuova una visione positiva delle azioni giovanili anche nel mondo degli adulti e che funga da traino e moltiplicatore di azioni. Il gruppo è motivato anche a includere sempre più attori in questo progetto, soprattutto giovani ma anche attraverso questo progetto avere un confronto intergenerazionale, coinvolgendo anche adulti e anziani. Riteniamo importante che venga dai giovani un esempio di cura dell’ambiente e della propria realtà, e lo sviluppo del protagonismo (tramite azioni aggregative e sociali) e delle competenze giovanili fornisce un’alta motivazione per intraprendere e sviluppare questo progetto.

I metodi di lavoro privilegeranno sempre approcci partecipativi nell’ apprendimento e nelle modalità decisionali. Il gruppo sarà il nucleo in cui si creerà un piano d’azione condivisa, una micro-progettazione di tutte le fasi e tutte le azioni. L’apprendimento attraverso metodi di educazione non formale (team building iniziale, valutazioni varie), l’experential learning (learning by doing), lo scambio di pratiche tra pari (peer education), il supporto del coaching costituiranno l’impianto metodologico del progetto. Si lavorerà molto anche sullo sviluppo delle competenze trasversali, soprattutto sulle competenze relazionali, comunicative, organizzative.

Tutto ciò contribuirà fortemente allo sviluppo sociale e personale dei partecipanti nello:

  •    Sviluppo di capacità relazionali (come si sta in un gruppo, come si prendono decisioni, problem-setting e problem-solving);
  •   Sviluppo di competenze di cittadinanza (come agisco, valutare il peso della mia azione nella comunità, come coinvolgere altri, come comunicare e promuovere quanto sto facendo);
  • Sviluppo di capacità tecnico-manuali (costruire una serra, piantare semi, dissodare terreni, creare spazi verdi da aree dismesse o trascurate, come si dissoda un terreno, come e quando si semina, piante stagionali ….) in previsione di un possibile sbocco imprenditoriale lavorativo;

  • Sviluppo capacità comunicative ed organizzative (costruire un piano di azione, un piano comunicativo, scrivere un articolo per i giornali, presentare se stessi).

Spazio Mercato Ortofrutticolo

Di che cosa si tratta?
Lo scorso 15 Luglio 2010 si è tenuto l'Open Space Technology ovvero un incontro fra giovani, uno spazio di confronto libero per definire insieme le funzioni, gli spazi e i modi per gestire il nuovo centro di aggregazione che sorgerà nello spazio dell'ex Mercato ortofrutticolo di Avane (Empoli).

Il progetto di un centro di aggregazione giovanile si colloca all’interno del piano dell’Amministrazione Comunale ed è finanziato nell’ambito del Programma di Recupero Urbano (PRU) per la riqualificazione del quartiere di Avane. Dopo lo studio di fattibilità, che ha verificato le condizioni per realizzare una struttura per i giovani empolesi nell’area dell’ex mercato ortofrutticolo del quartiere, l’Amministrazione Comunale ha deciso di adottare un percorso di progettazione partecipativa che veda protagonisti gli stessi giovani nella progettazione di uno spazio a loro dedicato.

Come procede il percorso?

Il percorso partecipativo che ha visto 138 giovani impegnati nell’Open Space Technology (OST) del 15 luglio 2010 è proseguito con due laboratori progettuali di approfondimento delle proposte emerse per la configurazione del futuro spazio giovani di Avane.
I laboratori progettuali si sono tenuti venerdì 15 ottobre 2010 dalle 17.00 alle 19.30 e sabato 16 ottobre 2010 dalle 10.00 alle 12.30 all’interno del teatro tenda sito a Avane nell’area dell’ex mercato ortofrutticolo. E questi sono i risultati:

 

Prossima Tappa
Il prossimo step sarà un Tavolo delle Garanzie che riunirà tutte le Associazioni e i giovani che hanno fin qui partecipato per discutere del progetto di massima emerso dai laboratori progettuali e soprattutto per mettere le basi per la futura gestione dello spazio che si andrà a creare. Il Tavolo delle Garanzie si terrà Martedì 9 Novembre alle ore 18,30 presso l'Auditorium di Palazzo Pretorio di Empoli.
Per ulteriori informazioni potete consultare il sito Empoli fa spazio ai Giovani

Risultati

Il Comune di Empoli presenterà i risultati del processo partecipato per la progettazione del nuovo spazio giovani nell'ex mercato ortofrutticolo di Avane il giorno Giovedì 18 Novembre dalle ore 18 presso il Convento degli Agostiniani in Via dei Neri ad Empoli.

L'incontro è aperto a tutta la cittadinanza e sarà presente il Sindaco di Empoli Luciana Cappelli e si chiuderà con un aperitivo.

 

 

footer